Prossimi eventi

14
Gen
Data: 14 Gennaio 2018, 11:00
Percorso di formazione per proprietari con cani dai 5 mesi in su

Per seguire tutti gli aggiornamento relativi al Progetto DAD puoi consultare la pagina Facebook dedicata al progetto cliccando qui: 

 

Come avviene già da diversi anni negli USA, è possibile addestrare i cani a riconoscere e segnalare situazioni di abbassamento ed innalzamento della glicemia in pazienti affetti da diabete di tipo 1.
La SCUOLA CINOFILA BJ, in collaborazione con la SCUOLA NAZIONALE DI FORMAZIONE CINOFILA, ha avviato un progetto che si riferisce al protocollo di training messo a punto dalla famosa istruttrice americana Debby Kay (www.debbykay.com - www.diabetesalertdogalliance.com ), che prevede anche la possibilità di una certificazione finale dei cani preparati come cani da assistenza per persone affette da diabete.

Il protocollo di lavoro può essere sviluppato con cuccioli appositamente selezionati e preparati così come con cani già in possesso dei pazienti, dopo attenta valutazione sia delle caratteristiche del cane sia dello stato di salute del paziente.

 

• COSA PUO’ FARE UN D.A.D. (DIABETIC ALERT DOG)

o segnalare, con modalità opportune, innalzamenti o abbassamenti dei valori di glucosio nel sangue

o lavorare in abbinamento ai dispositivi medici
o fornire supporto emotivo al paziente
o offrire al paziente amicizia incondizionata (fattore di notevole importanza soprattutto nel caso di bambini)

 

• COSA NON PUO’ FARE UN D.A.D. (DIABETIC ALERT DOG)

o il cane non cambia il protocollo medico del paziente che continuerà a fare tutto ciò che il medico prescrive

o i cani, sebbene in possesso di capacità olfattive non comuni e perfettamente addestrati, non sostituiscono i supporti medici, ma lavorano in abbinamento ad essi

o i cani non lavorano 24 ore su 24, hanno bisogno di momenti di relax e riposo !

 

• CARATTERISTICHE DELL’ADDESTRAMENTO

Il cane viene preparato a riconoscere range variabili di modifica dei valori di glucosio nel sangue, attraverso uno specifico addestramento basato sull’utilizzo di campioni di saliva prelevati da persone affette da diabete di tipo 1, opportunamente conservati e classificati in base alla data di prelevamento ed al valore corrispondente di glucosio, misurato con l’apposito strumento al momento del prelevamento del campione.

Alla base dell’addestramento ci sono le incredibili capacità olfattive dei cani che sono in grado, se opportunamente addestrati, di riconoscere tali variazioni semplicemente annusando il paziente in particolari punti del corpo (solitamente caviglie, gambe e vita).

Per i pazienti fornire campioni risulta un’attività molto semplice in quanto è necessario solamente tenere in bocca per qualche secondo un bastoncino di cotone che poi viene inserito in apposite provette. La fase di ottenimento dei campioni è una delle più importanti e critiche in fase di addestramento dei cani in quanto il lavoro di preparazione viene fatto su campioni di persone diverse e maggiore è il numero di campioni a disposizione maggiore sarà la costanza e la continuità che potrà essere garantita al lavoro durante la preparazione del cane.

Una volta addestrato il cane sarà “tarato” sul suo paziente e sarà in grado di segnalare modifiche dei valori di glucosio che risultano critici per quello specifico paziente.

La preparazione del cane prevede anche che venga insegnato al cane a monitorare il paziente durante l’intero arco della giornata: il cane imparerà anche a svegliarsi durante la notte in caso avverta un abbassamento o innalzamento dei valori di glucosio e segnalare al paziente tale situazione.
Ai cani viene insegnata anche la persistenza nella segnalazione: il cane segnalerà la situazione critica con intensità crescente nel caso in cui il paziente non si accorga o non dia retta alla segnalazione stessa.

La preparazione del cane prevede anche un attento ed approfondito lavoro di educazione ed obbedienza che gli permetta di essere in grado di svolgere il proprio lavoro in qualsiasi condizione e con qualsiasi distrazione presente, e consenta al proprietario di gestire senza difficoltà il proprio cane in qualsiasi contesto si trovi.

Specifiche fasi dell’addestramento avranno lo scopo di insegnare ai cani a monitorare il paziente e segnalare situazioni critiche in tutti i contesti in cui il paziente si può trovare durante la propria vita quotidiana (in auto, su mezzi pubblici, all’interno di negozi, supermercati, ecc.).

L’obiettivo del nostro lavoro è quello di diffondere questa possibilità che riteniamo possa essere davvero un enorme aiuto per i pazienti affetti da diabete di tipo 1 sia dal punto di vista assistenziale (monitoraggio continuo, giorno e notte, del livello di glucosio nel sangue e segnalazione immediata), sia dal punto di vista del supporto psicologico al paziente, attraverso il legame “empatico” che si viene a creare con il proprio cane da assistenza che diventa una sorta di “amico” che mi controlla e mi dice “ehi, guarda che qualcosa non va, intervieni !”.

Abbiamo da poco avviato una collaborazione con l'Associazione Giovani Diabetici di Como per la diffusione del progetto e la preparazione dei primi cani da allerta.

Se siete interessati a partecipare attivamente al progetto o ad una valutazione preliminare del vostro cane, contattateci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mirror Teach

Il Mirror Teach "teaching by demonstration" è un nuovo modo di educare i cani, basato sui principi dell'apprendimento sociale. Si tratta della riproduzione di comportamenti che il cane allievo (learner) ha osservato eseguire dal proprietario o da un altro cane (teacher). Il metodo è parte integrante di un progetto più ampio, definito "Progetto Mirror"...

» Read more

Storie...lavorare con un cane sordo

Quando ripenso al lavoro fatto con Zampa, mi piace definirlo una scommessa vinta. Arriva da noi a pochi mesi e le premesse fanno pensare a una scommessa difficile: dopo argentino, maschio, completamente sordo. Lavorare con un cane sordo è un'esperienza emozionante, diversa. Ci si deve mettere in gioco, non puoi parlare ma devi comunicare...una comunicazione silenziosa ma che pian piano diventa sempre più incredibilmente profonda ed efficace...

» Read more

Storie...un gigante fragile

Quando vedo Golf per la prima volta mi colpisce immediatamente il suo aspetto...un cane bellissimo, molto curato, un cane che si nota insomma...ma al tempo stesso dietro ad un aspetto così appariscente emerge qualcosa di più profondo: l'espressione è spenta, il cane appare chiaramente insicuro. Mi guarda preoccupato, guarda il suo "papà" in attesa di capire cosa fare e come comportarsi difronte a quest'uomo alto che vede per la prima volta...

» Read more

Divertirsi con il cane in un'incantevole area verde...

La Scuola Cinofila BJ vuole essere un luogo dove l'approccio positivo al lavoro col cane si vive a 360 gradi. Non solo nei metodi utilizzati che si basano sul rispetto e sulla tutela del benessere del nostro amico a quattro zampe, ma anche promuovendo modalità di lavoro divertenti anche per i proprietari, all'interno di un ambiente rilassante, incantevole, dove ci si libera per qualche ora dello stress e dei problemi di tutti i giorni, immergendosi completamente nel lavoro con il proprio cane...gli enormi spazi, il rumore dell'acqua che scorre nei due laghetti adiacenti al campo aiutano tutto questo...

» Read more